Giovanni Morbin
La mia prima mostra è andata in fumo
L’uomo solo come una scultura che giace in attesa d’attenzione.
L’uomo eretto, inerte, sulle arti, serbatoio d’energia viva non liberata.
Ha nella testa la sua zona infiammabile, come un fiammifero: in assenza di contatto non brucia. L’incontro di due teste produce la scintilla che accende.
Il pensiero, l’idea, virus contagioso, passa da una testa all’altra in reazione a catena: così nasce la storia.
in fumo fiammiferi
Gruppo verticale orizzontale
piazza cupola arena